E-commerce: il nuovo trend del mercato del vino

Di Alberto Mangoni (foto di Matilda Wormwood)

La pandemia ha avuto un grande impatto nel mondo del vino e sui mancati incassi dal settore HORECA (Articolo “Vino e Covid”).

La digitalizzazione è sicuramente uno dei risvolti positivi che questo periodo ci ha lasciato, svetta tra tutti, la crescita esponenziale degli E-commerce di genere alimentare

Qualche numero sul il vino

Gli italiani non hanno voluto rinunciare ai piccoli piaceri della vita durante il lockdown, gli studi condotti da ANSA, evidenziano come il consumo di vino sia aumentato nella fascia 30/50 anni, mentre tra i giovani e studenti sia impazzata la moda delle “degustazioni digitali”.

Un’occasione ghiotta per i grandi nomi del vino online italiano, che hanno colto al balzo l’opportunità, ampliando e migliorando le proprie piattaforme, creando campagne social per interagire e comunicare con il consumatore finale e aumentare i propri volumi di vendita.

Sulle ali del cambiamento

Uno dei volti per comunicazione e innovazione è senza alcun dubbio, Marco Magnocavallo, Amministratore Delegato, dell’enoteca online “Tannico”, che in un’intervista rivela: 

“Dopo un primo periodo di leggera flessione le vendite hanno subìto un’impennata importante con volumi in crescita anche del 100% rispetto al mese precedente”.

Proprio Tannico, ha offerto un mese spedizioni gratuite in tutta Italia senza spesa minima d’ordine ed ha aderito a iniziative come “#iobevoacasa”, per sensibilizzare al distanziamento sociale.

Cantine e consorzi hanno cavalcato l’onda dell’innovazione, sono infatti molte le realtà che hanno visto le potenzialità dell’E-commerce e hanno sviluppato “online shopindipendenti dalle piattaforme di terzi.

Questo ha dato visibilità alle aziende ed ha permesso di rimanere attivi sul territorio in questo periodo, oltre che incrementare le vendite.

Quali sono i pro e i contro?

Trovare una verità univoca è difficile, subentra anche la parte emozionale e “godereccia” del vino.

Acquistare in enoteca, con consiglio di un grande Enotecario o un esperto Sommelier, è impagabile, passione storia e conoscenze si intrecciano in un racconto che sta nella bottiglia che tenete in mano.

L’enoteca è un luogo di culto per gli amanti del vino, ma l’e-commerce, sta dando possibilità importanti di esprimersi anche a realtà più piccole, prodotti di nicchia e vini che rispettano filosofie produttive distanti dal mondo della viticoltura convenzionale.

La comodità e quasi immediata reperibilità di prodotti ricercati rendono gli shop online intriganti. Lì si possono trovare anche schede tecniche dettagliate per ogni vino presente, con specifiche sulla cantina e il terroir.

Last but not least

Migliaia di acquirenti sono attratti dai prezzi competitivi che vengono proposti online, dove il ricarico sul prodotto finale è minore.

Il mercato sta innegabilmente cambiando rotta, dalle mode alle modalità di acquisto.

Ma quale è il futuro dell’E-commerce nel vino? Una necessità momentanea o un investimento per il futuro?


Rispondi