Bentornati su Food-ID!

La settimana a tema libero è tornata, ricca di curiosità eno-grastronomiche che i nostri scrittori hanno pensato di farvi conoscere.

Inizieremo parlando di una notizia molto recente, che ha sconvolto il mondo del vino, ovvero la proposta di Bruxelles di aggiungere acqua al processo di vinificazione, abbassando l’alcolicità. 

Da oggi darete un nome al gusto del pomodoro cotto, ai funghi secchi e al Parmigiano Reggiano, Umami (tradotto in giapponese “delizioso”), il quinto gusto al sapore di Glutammato.

Seguiamo poi, con un dolce un pò fuori stagione, chiamato in tanti modi ma in Toscano è il “Castagnaccio”, un sapore della tradizione a base di farina di castagne.

Spostandoci verso il sud, nella profumata e calda Sicilia, incontrerete la Cassata Siciliana, un esplosione di sapori e colori tutti da assaporare.

Scoprirete poi che il momento più amato da tutti, l’aperitivo, ha origini molto lontane già ai tempi di Ippocrate. 

Infine capirete l’importanza della filiera corta, un sinonimo di fiducia e solidarietà fra produttore e consumatore, indipendente dalla grande distribuzione e basato sulla produzione locale.

La rubrica del vino si dedicherà agli Orange Wine, alla loro storia e alle particolari caratteristiche organolettiche che la macerazione sulle bucce regala a questi vini bianchi a bacca bianca.

Per concludere vi lascio alla lettura degli articoli con una frase di Massimo Bottura “La cucina è artigianato. Un grande cuoco è un artiere, cioè un artigiano ossessionato dalla qualità”.

Alessia 


Rispondi