Savini Tartufi: la qualità è passione

Di Ilaria Ancona (foto di Savini Tartufi)

Quale prodotto se non il tartufo può essere considerato il re che domina i nostri meravigliosi boschi degli appennini toscani? C’è chi ha saputo riconoscerlo, e trattarlo come “il diamante del bosco”.

Chi? Ovviamente i mastri tartufai di Savini Tartufi che da quattro generazioni, selezionano e lavorano con cura, esclusivamente i migliori tartufi, offrendo ai propri clienti un prodotto di altissima qualità.

L’amore del tartufo impresso nel DNA

Dove nascono i tartufi c’è rispetto per la natura e amore per la vita.

Dal 1920 ad oggi è una famiglia che lavora in sintonia con l’ecosistema dei boschi pisani; tutto nacque grazie a Zelindo, uomo istrionico ed intraprendente che lavorava come guardia caccia nella Tenuta di Villa Saletta a Palaia, nella provincia di Pisa.

Fu così che le tradizioni si trasmisero di padre in figlio, fino ad arrivare alla tavola di ogni amante del tartufo in tutto il mondo quando venne creata la prima linea di prodotti a marchio Savini Tartufi del figlio Luciano.

Il tartufaio, uno stile di vita

A differenza di tutte le altre agricolture, questa azienda ha l’onore e la capacità di scoprire i tesori nascosti della nostra meravigliosa terra toscana.

Ebbene sì, non uno ma la bellezza di sei tipologie di tartufo: bianco, nero pregiato, bianchetto, estivo, uncinato e moscato.

Queste tipologie riflettono i nostri cambi stagionali che permettono un’ampia varietà e reperibilità per garantire un’esplosione di gusti e profumi della natura nel Food&Beverage.

Savini Tartufi lo fa attraverso la magica Truffle Experience, offrendo la miglior esperienza nel mondo del tartufo, nel pieno rispetto della natura, della tradizione e del territorio.

La varietà è ricchezza ma il record è del tartufo Bianco

Savini Tartufi è il riflesso dell’unione dell’uomo e del suo fedele collaboratore, il cane.

Infatti, il 2007 è stato un anno veramente importante da ricordare: l’anno del tartufo Guinness dei primati.

Savini, grazie al cane Rocco, ha rinvenuto il famoso tartufo bianco gigante da 1,497 kg, che rimane ancora adesso il più costoso: 330.000$, devoluti in beneficenza all’Asta Internazionale del Tartufo Bianco di Toscana.

Oggi Savini tartufi è innovazione

Oggi, Savini Tartufi è presente in tutto il mondo, dalle botteghe gourmet ai grandi ristoranti di lusso. Vanta, inoltre l’apertura di due Truffle Restaurant e Cocktail bar”, all’interno di luoghi storici e prestigiosi a Firenze e Milano, città nella quale ha lanciato anche “Tartufotto”.

Oltre alle botteghe Luciano Savini è a Firenze e Roma, all’interno del Mercato Centrale.

In stretta collaborazione, ad aprile del 2021 ha lanciato una nuova linea di prodotti etichettati “da Burde”: un’avventura comune molto golosa.

Stiamo parlando di due pilastri del buon cibo made in Tuscany: Savini Tartufi e TrattoriaDa Burde”, simbolo della cucina toscana a Firenze. L’incontro della quarta generazione di tartufai e cuochi fiorentini, messi alla prova dai nuovi orizzonti culinari hanno portato ad avere una linea di prodotti tutta da invidiare.

Il segreto di Savini TartufiCollaborazione, coordinazione, una famiglia di professionisti in ogni settore, dalla produzione alla progettazione, al magazzino, vendite ma soprattutto nel controllo della qualità delle materie prime toscane.

Questo è lo spirito che fa di Savini Tartufi una Grande azienda anziché una azienda grande che io stessa affermo, dopo aver avuto l’onore di collaborare al loro fianco.


Rispondi